Prometeo: il Dono

secondo quadro del Prometeo

Progetto                                           Simona Bertozzi, Marcello Briguglio
Ideazione e coreografia                Simona Bertozzi
Danza                                               Aristide Rontini, Stefania Tansini, Simona Bertozzi
Musica                                             Francesco Giomi
Luci                                                 Antonio Rinaldi
Organizzazione                               Beatrice Capitani
Promozione                                    Elena de Pascale
Ufficio Stampa                              Michele Pascarella

Produzione    Nexus 2015

Con il contributo di   
MIBACT e Regione Emilia Romagna
Con il sostegno di   Cango/ Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza
Residenze creative  Cango/ Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza,
Armunia-Dimore d’Autunno,
Laminarie-Dom La Cupola del Pilastro

Con il sostegno di H(ABITA)T – Rete di Spazi per la Danza/Mousiké

Durata     40 min

“Così, l’uomo si impadronisce di certe visioni, la cui potenza genera la sua potenza. Su di esse coordina la propria storia, di cui esse costituiscono il luogo geometrico.”

Paul Valéry

 

La consegna di Prometeo è introdurre l’umanità alla capacità di creare, di forgiare, di coltivare e costruire. Di inoltrarsi nell’articolazione di una pratica in cui l’agire si fa complesso per tensione alla cura, alla vitalità creativa.

In questo secondo quadro coreografico del progetto Prometeo, la riflessione sulla natura del dono si attualizza nella capacità di addentrarsi in una traiettoria d’indagine, di esercitare un linguaggio che, nella sostanza del gesto e del movimento, possa farsi luogo della visione e delle mutevoli corrispondenze fra le immagini.

Un territorio di frequenze e periodicità, di rette e fasce curve, in cui i corpi dispiegano scritture energiche e articolate, producendo una trama di solitudini e combinazioni dialogiche che si alimentano per reazioni, per ebbrezza della complessità. Si preferisce ricadere nel vortice…

E’ una pratica vertiginosa, quella che accomuna le tre presenze volta ad afferrare la prospettiva di un frammento, di una sezione dinamica, di uno scorcio anatomico. Masse sospese, volumi che si assottigliano, groviglio delle velocità. Posture in continuo decentramento per impossibilità ad arrestarsi.

Laddove la pratica e l’ostinazione fan sì che il movimento appaia levigato e riconoscibile, è il compenetrarsi tra la sua grammatica e la mobilità degli immaginari in gioco a lasciare aperto il flusso delle possibili trasfigurazioni.

 

Quei momenti di fragilità che sospendono la punteggiatura del fraseggio e permettono di rinegoziare la propria azione nell’incontro con l’altro.

 

Simona Bertozzi

 

Citando Paul Valéry, Simona Bertozzi comunica un umanesimo coreografato in cui «l’uomo si impadronisce di certe visioni […] e su di esse coordina la propria storia, di cui esse costituiscono il luogo geometrico». Rette parallele o incidenti che ricollocano il danzatore nel mezzo di un discorso, unendo il sapere intellettuale a quello della pratica per la creazione di uno spazio la cui struttura è sì contenitore del corpo ma il corpo al tempo stesso la contiene.

Leggi tutta la recensione

Lucia Medri, Teatro e Critica – 10 luglio 2016

La tecnica di cui Prometeo fa dono ai mortali diventa un flusso di impressioni, un groviglio  di reattività. E la scrittura coreografica di Simona Bertozzi porziona dinamiche, afferra prospettive, accorda fragilità e impossibilità di arrendersi, e di fermarsi.

Leggi tutta la recensione

Valentina De Simone, Che Teatro Fa – Repubblica.it – ottobre 2016