Prometeo: Architettura

quinto quadro del Prometeo

Progetto                                  Simona Bertozzi, Marcello Briguglio

Coreografia                           Simona Bertozzi

Danza                                      Giorgia Atti, Elena Rosaria Brugo, Giulia Casadio, Caterina Grotti,

Anna Passarini, Carlotta Severi, Matilde Stefanini

Musica                                     Steve Reich

Luci                                          Antonio Rinaldi

Organizzazione                     Beatrice Capitani

Promozione                            Elena de Pascale

Ufficio Stampa                       Michele Pascarella

Produzione                             Compagnia Simona Bertozzi /Nexus 2016

Con il contributo di              MIBACT e Regione Emilia Romagna

Con il sostegno di                 Associazione Danza Urbana, Associazione Cantieri Danza, Ater-Circuito Multidisciplinare dell’Emilia Romagna, H(ABITA)T – Rete di Spazi per la Danza/Mousiké

Si ringraziano                        La Soffitta delle Arti, Atelier, Centro Professionale Danza di Ravenna e Centro Mousikè Bologna e da cui provengono le interpreti coinvolte nel lavoro.

Residenze creative                La Torre Ravenna, Almagià Ravenna

Durata                                     30 min

 

 “Insomma a farla breve, sappi questo: ogni arte umana viene da Prometeo.”

Eschilo, Prometeo Incatenato

Il mio avvicinamento al mito di Prometeo, alla possibilità di tradurre la technè in esercizio potente e rigoroso dell’agire e farne luogo di condivisione, di socialità, di criticità, ha trovato spazio in una riflessione sulla danza, sulla sua natura di pratica corporea tesa alla vitalitàumana e alla produzione di un alfabeto complesso di possibilità di scambio e coabitazione.

InPrometeo: Architettura, quinto dei sei quadri dedicati al Prometeo, la prospettiva del tracciato coreografico sarà agita da un gruppo di giovanissime danzatrici del territorio bolognese e ravennate, alle prese con la condivisione di un habitat, di uno spazio severamente occupato dalla loro necessità di dare vita a immagini, visioni e  proiezioni, strutture d’azione. Micro narrazioni ambientali in cui la testimonianza depositata dai corpi rivela una specie in crescita e in dialogo con le regole e i dettagli “climatici” in cui agisce: docile e ostinata.

Se da un lato si assiste all’architettura di fraseggi definiti, reiterati e rimodulati, sopraggiungono dall’altra la mobilità e le gradazioni di calore prodotte dal dialogo fra anatomie e presenze sempre diverse, poiché riunite direttamente sul territorio in cui il lavoro viene presentato.

Un quadro coreografico che rinegozia ogni volta le prospettive di innesto, esplorazione, sospensione e che accorda il suo titolo alle città in cui prende forma.

S.B.

“Che la coreografa sia una delle espressioni più rimarchevoli del panorama italiano lo sisapeva e che da tempo si misuri con una tipica “pedagogia” della danza pure, ma sorprende questo lavoro, questo quinto pezzo di un progetto ancora tutto da costruire, per l’impressionante qualità della fattura e per la precisione delle giovani interpreti.”

Leggi tutta le recensione

Paolo Ruffini, Hystrio – ottobre-dicembre 2016