OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Coreografa, danzatrice e performer, vive a Bologna, dove si laurea in Dams. Dopo studi di ginnastica artistica e danza classica, approfondisce la sua formazione in danza contemporanea tra Italia, Francia, Spagna, Belgio e Inghilterra e lavora, tra gli altri, con Tòmas Aragay (cia Societat Doctor Alonso-Spagna) e dal 2005 al 2010 con Virgilio Sieni. In qualità di performer freelance ha inoltre collaborato con Laminarie Teatro e Fortebraccio Teatro.

Dal 2005 conduce un percorso autoriale di ricerca e scrittura coreografica, creando lavori, in forma solistica e con diversi gruppi di danzatori e performer, che hanno circuitazione nazionale e internazionale.

Nel 2007, in qualità di coreografa, vince il concorso coreografico GD’A (Giovani Danzautori dell’Emilia Romagna) ed è la coreografa italiana selezionata per il festival Aerowaves, The Place Theatre. Londra.

Nel 2008 con la creazione dal titolo Terrestre, prende parte al progetto internazionale Choreoroam, sostenuto da British Council/The Place, Dansateliers/Rotterdam e Bassano Opera Festival.

Sempre con Terrestre, vince il bando Residenza Fondo Fare Anticorpi, in collaborazione con react!, Residenze Artistiche Transdisciplinari.

Nel 2008 fonda la Compagnia Simona Bertozzi/Nexus.

Con il collettivo Gemelli Kessler (Simona Bertozzi, Marcello Briguglio, Celeste Taliani) vince il premio per la migliore opera indipendente al concorso Il Coreografo Elettronico 2009 con il lavoro di video danza dal titolo Terrestre-movement in still life.

Dal 2009 al 2012 realizza il progetto Homo Ludens, quattro episodi danzati sull’ontologia del gioco, in cui si avvale della presenza di numerose collaborazioni artistiche tra cui: il musicista Egle Sommacal, il Collettivo Gemelli Kessler, la Lila Dance Company, The Point Theatre di Estleigh, Accademia Bizantina di Ravenna. Di Homo Ludens fanno parte: Ilinx (playing vertigo), Alea (iacta est), Agon e Mimicry.

Progetto a cui si aggiunge, in un secondo momento, il solo Bird’s eye view con cui vince il Premio del pubblico al Festival 17 Masdanza, International Contemporary Dance Festival of the Canary Islands.

Nel 2012, sempre nell’ambito del collettivo Gemelli Kessler, si occupa della creazione di I was wondering, opera di video danza che esordisce a Ferrara nella giornata di apertura della mostra su Michelangelo Antonioni, in occasione del centenario della nascita.

Nel 2013 crea Elogio de La Folia opera coreografica su musiche di Arcangelo Corelli, co-prodotta da Ravenna Festival con esecuzione musicale dal vivo del Delfico Ensemble.

Nell’ambito del festival Biennale Danza Venezia 2014 presenta Guardare ad altezza d’erba, creazione per un sestetto di danzatori tra i 10 e i 12 anni, co-prodotta da Biennale di Venezia e Teatro Stabile dell’Umbria.

Sempre del 2014 è il debutto di Oratori_ae con musica e live elctronics di Francesco Giomi.

In occasione di BMotion, Operaestate Festival Veneto 2014 presenta A ritroso sortirà, duetto con la danzatrice tredicenne Alessia Ceccarelli realizzato in collaborazione con Associazione Katrième Cesena e in residenza presso Palazzo Sturm Bassano del Grappa.

Al Festival MilanOltre 2014 debutta con la creazione del format finale di Orphans già presente in forma di studio nell’Ambito di Romaeuropa 2013.

Chiude l’attività produttiva del 2014 con il debutto in prima assoluta di Animali senza Favola, all’Arena del Sole di Bologna, con il sostegno di Ert – Emilia Romagna Teatro Fondazione e con il contributo del Fondo per la Danza d’Autore dell’Emilia Romagna.

Per il biennio 2015/16 l’attività di produzione si concentra nel Progetto Prometeo, progetto che si struttura attraverso la creazione di episodi, dei quadri di coreografia di durata variabile, ognuno con il proprio assunto tematico e segno coreografico, nonché il rispettivo nucleo di interpreti.

Sono tre gli episodi creati nel 2015:
Prometeo: Contemplazione, Prometeo: Il Dono, Prometeo: Poesia.
Il primo e il terzo episodio sono stati realizzati in co-produzione con la Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto e hanno debuttato nell’ambito di Fonderia39 E’ Italia Danza. Prometeo Il Dono ha esordito nell’ambito di UMANO, con il sostegno di Cango-Centro di Produzione sui Linguaggi del Corpo e della Danza.

Per il 2016 sono in fase creazione e presentazione tre nuovi episodi:
Prometeo: Astronomia, Prometeo: Architettura e un quadro conclusivo dal titolo And it burns, burns, burns.
il primo è realizzato con il contributo di PERMUTAZIONI, progetto di residenze coreografiche a cura di ZEROGRAMMI e Fondazione Piemonte dal Vivo. Il secondo è realizzato in collaborazione con Cantieri Danza e Festival Danza Urbana Bologna. Il terzo, ovvero il sesto e conclusivo episodio, con il contributo di Fondo Regionale per la Danza d’Autore Regione Emilia-Romagna e con il sostegno di Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto Centro di Produzione.

Parallelamente al Progetto Prometeo, nel 2016 è avvenuta la realizzazione di Anatomia, progetto condiviso con Francesco Giomi (Tempo Reale Firenze) e Enrico Pitozzi, che vede in scena Simona Bertozzi e Francesco Giomi in un dialogo tra corpo e suono. Il debutto di Anatomia è stato inserito nella Stagione del Contemporaneo di Ravenna Teatro, nell’ambito di Today ToDance.

Premi

– Nel 2007 è la coreografa italiana selezionata per Aerowaves, The Place, Londra.

– Nel 2007 vince il GD’A Emilia Romagna, Ravenna.

– Nel 2008 con l’opera di video danza Terrestre-movement in still life vince il Premio produzione
TTV Festival di Riccione 2008.

– Nel 2009 sempre con Terrestre-movement in still life vince il Premio per la migliore opera
indipendente al Coreografo Elettronico, Napoli.

– Nel 2012 con l’opera Bird’s Eye View vince il Premio del pubblico al Festival 17 Masdanza,
International Contemporary Dance Festival of the Canary Islands.

– Sempre nel 2012 viene selezionata per la NId-Platform, Piattaforma delle Nuova Danza
Italiana, Lecce.

– Nel 2013 è una delle quattro compagnie selezionate, su territorio nazionale, per partecipare
al Fringe Festival di Edimburgo (Scozia)

Circuitazione

I lavori di Compagnia Simona Bertozzi/Nexus sono presenti in prestigiosi festival e stagioni di danza contemporanea e teatro, in Italia e all’estero, tra cui:

In Italia:

– Romaeuropa (Roma)
– Civitanova Danza
– Santarcangelo dei Teatri
– B-Motion (Operafestival Bassano)
– Interplay (Torino)
– Aperto Festival (Reggio Emilia)
– Crisalide (Forlì)
– Teatro Kismet (Bari)
– Teatro Diego Fabbri (Forlì)
– CSS Teatro Stabile dell’Umbria
– Biennale Danza Venezia
– Mittelfest (Cividale-Udine)

All’estero:

– Aerowaves Londra, The Turning world Londra (UK)
– Dance Week Festival Zagabria
– The Point Theatre-Eastleigh (UK) Dance a Lille,
– Tanec Praha Festival (Praga),
– Festival de là Citè Lausanne (Ch)
– Correios em Movimento, Danca em Transito di Rio de Janeiro,
– Masdanza e Masdanza Extension Isole Canarie (Spagna)
– One Small Step (Corfù)
– Intradance Mosca,
– Festival Fringe Edimburgo
– Lugano In Scena